Confusione climatica


?

Sono giorni questi in cui si fa fatica a focalizzare l’attenzione. Siamo in piena crisi politica e in piena crisi economica. E purtroppo anche in piena crisi climatica, con un Tirreno caldissimo che in un paio di settimane ha ucciso con nubifragi di impatto inusitato, a Roma, nelle 5 Terre e in Garfagnana, a Genova, all’Elba, in Basilicata, e qualche posto lo scordo di sicuro. I riscaldamenti sono accesi ma le temperature esterne per giorni qui a Bologna non sono scese sotto i 12 gradi e così alla stranezza climatica si somma anche la rabbia di lavorare in uffici che siccome è novembre tengono gli impianti accesi e ti scaldano come in forno. In treno lo stesso. Tutto cambia intorno a noi ma noi non cambiamo, non riusciamo ad adattarci abbastanza in fretta. In effetti l’adattamento è una parola magica del gergo climatologico, se il clima cambia bisogna adattarsi, il che non significa scrollare le spale e assumere un atteggiamento fatalista bensì preparare razionali e articolati piani di protezione delle persone, dei beni e delle attività economiche a fronte di una situazione ambientale sempre più difficile e complessa, aggravata dall’assurdo assetto territoriale che in questo paese ci siamo visti affibbiare da sessant’anni di governi conniventi con la speculazione edilizia e il business del cemento. Chissà se qualcuno metterà questo tema nel programma politico del nuovo governo. Chiediamolo tutti insieme ad alta voce, magari qualcuno ci ascolta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...