Negazionismo all’italiana


...eppur si sciolgono...

Immaginate un dibattito su come si guida un’auto, con uno dei protagonisti che mette in dubbio l’esistenza del volante… Ieri mattina ho partecipato in diretta telefonica a una trasmissione di approfondimento della Radio Svizzera Italiana sui risultati del congresso climatico di Cancùn. Da parte svizzera c’erano personaggi rilevanti, addirittura il capo della delegazione di quel paese alla conferenza, Bruno Oberle. Da parte italiana oltre a me, che non sono certo rilevante, ma che almeno so di cosa parlo, c’era un professore di economia dell’università di Pavia, il quale ha esordito con una bordata di ovvietà negazioniste da far rabbrividire, di quelle che si leggono sul Foglio o sul Giornale (e che purtroppo sono persino finite in una mozione parlamentare approvata dal centrodestra qualche mese fa). Ovvietà ampiamente demolite da Stefano Caserini del Politecnico di Milano nel suo libro “A qualcuno piace caldo”, e poi riassunte nel più recente “Guida alle leggende sul clima che cambia“. Sono stato costretto a reagire con una certa veemenza e a ribadire cose che dovrebbero essere assodate, cioè che il cambiamento del clima è già in corso, che questo cambiamento è oltre ogni ragionevole dubbio dovuto all’alterazione umana dell’effetto serra, che è misurabile anche alla scala dell’Emilia-Romagna – dove l’anno scorso abbiamo pubblicato un Atlante idroclimatico con dovizia di dati e cartografie dei cambiamenti in corso, piuttosto allarmanti per entità e velocità – e che se nessuno fa niente di serio il riscaldamento potrebbe superare la soglia di non ritorno e provocare catastrofi. Mi sono sentito rispondere che in Inghilterra nevica, il che dimostra ancora una volta che confusione si fa tra tempo e clima, persino all’università. E mi domando, come mai la radio nazionale della Confederazione non ha trovato modo di far parlare i nostri migliori climatologi ed esperti di energia e politiche del clima? Perché l’opinione pubblica non conosce i vari (vado a casaccio) Navarra, Castellari, Ferrara, Artale, Pasini, Caserini, Giorgi, Gualdi, Miglietta, Carraro, Balzani? Perchè la questione climatica è relegata solo alla nicchia Luca Mercalli, che ne parla trenta secondi da Fazio o in piena notte, oppure a qualche accenno del geologo Mario Tozzi, invece che nelle seguitissime trasmissioni dei vari Angela, oppure nei salotti della Colò? Io penso sia arrivato il momento di agire, magari pubblicare un “paper” in meno e dedicare invece più tempo a comunicare, pretendendo dalla Rai uno spazio più ampio per la vera scienza del clima, e zero spazio per chi confonde gradi con percentuali, secoli con millenni, tempo e clima, come ho sentito fare ieri mattina. I cittadini italiani, almeno quelli che pagano le tasse, se lo meritano. E anche quelli del Canton Ticino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...