Sopravviveremo?


Un pianeta a perdere?
Un pianeta a perdere?

Alcuni scienziati ormai lo scrivono e lo dicono apertamente: l’umanità potrebbe non farcela a reggere il riscaldamento climatico atteso di qui a fine secolo (o forse anche prima). Altri si spingono ancora più in là e dichiarano apertamente che non c’è speranza. Sull’ultimo numero di New Scientist la copertina è dedicata alla Terra nel 2099, un pianeta che potrebbe diventare irriconoscibile e soprattutto quasi del tutto inabitabile… Il problema è che nonostante la gravità degli allarmi, le emissioni di anidride carbonica (e degli altri gas serra) non solo non diminuiscono ma continuano ad aumentare. Per dirla con Paul Crutzen, meteorologo premio Nobel per la chimica per i suoi studi sull’effetto dei Cfc sull’ozono stratosferico,”Vorrei essere ottimista ma non vedo ragioni per esserlo. Per salvarci dovremmo ridurre le nostre emissioni di carbonio [in atmosfera] del 70% entro il 2015. Attualmente ce ne mettiamo il 3% in più ogni anno.” L’altrettanto famoso James Lovelock, il chimico padre di Gaia, l’ipotesi di un pianeta in omeostasi attiva il cui clima sarebbe regolato dalla vita, ha addirittura pubblicato recentemente un nuovo libro su Gaia per descrivere lo sconquasso irreparabile che ci attende a causa della non linearità del sistema Terra e delle sue reazioni inconsulte all’aumento dell’effetto serra (uno scatto di +5 °C e non un progressivo aumento della temperatura come previsto dai modelli correnti). Che dire? Speriamo che si sbaglino e soprattutto speriamo che i consulenti scientifici dei potenti della Terra li convincano ad agire subito in maniera coerente e massiccia, introducendo ad ogni livello piani di protezione climatica drastici ed efficaci. Parlatene in giro… potrebbe essere importante!

Annunci

3 pensieri su “Sopravviveremo?”

  1. Sarebbe opportuno che qualcuno chiarisse una volta per tutte se c’è o no un surriscaldamento “non ciclico”. Ci sono troppe versioni della stessa realtà…

  2. Gradirei commenti di persone e non pubblicità di aziende, grazie. Quanto alle versioni della realtà, per me fa fede quel che c’è scritto nel rapporto 2007 del Ipcc (www.ipcc.ch o in italiano http://www.cmcc.it), in particolare là dove si mostra che la “forzante climatica” di origine umana (cioè le emissioni di gas serra) è circa 10 volte più importante della principale forzante naturale, l’irraggiamento solare (pag. 132, vol. 1 del rapporto). Come dice il Nobel Paul Crutzen, siamo nell’era dell’Antropocene, e l’umanità è diventata una vera e propria forza geologica.

  3. Il danno ormai è fatto.Si parla molto delle energie pulite ma la realtà è che prendendo in considerazione per esempio (banale) la Germania che è leader nell’eolico in Europa, la situazione sia cambiata si, ma in peggio: la percentuale di emissioni di CO2 è aumentata e tutto questo come al solito è passato inosservato! Finchè saremo succubi delle multinazionali che ci comandano a bacchetta il mondo non cambierà la sua tendenza ad inquinare e a distruggere! Le foreste stanno diminuendo ad una velocità spaventosa (le uniche che in questo momento ci stanno dando ancora un po’ di vita) gli allevamenti sproporzionati, le piantagioni di ogni genere, insomma starei qui ad elencare ma sono tante le cause! è il sistema che è sbagliato il capitalismo regna incontrastato! e noi siamo coloro che stanno a guardare… ma cosa guardiamo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...