Primi, per una volta…


Geyser (U.S. Geological Survey, foto di S. R. Brantley, 1983)
Geyser (U.S. Geological Survey, foto di S. R. Brantley, 1983)

In Italia siamo stati i primi a sfruttare il calore della terra per produrre energia elettrica, e gli attuali 810 MWe geotermici gestiti, non senza problemi, dall’Enel rappresentano di fatto la geotermia europea. Con la prima centrale geotermoelettrica del mondo allacciata alla rete a Larderello nel 1914, dopo che 10 anni prima Piero Ginori-Conti aveva dimostrato la fattibilità del processo, abbiamo inaugurato una pagina della storia energetica di questo pianeta, pagina che oggi sta diventando sempre più “calda”. Come si legge infatti nel sito dell’Earth Policy Institute, diretto dal famoso Lester Brown, uno dei grandi personaggi positivi del Novecento, ancora attivissimo nel combattere il degrado ambientale del pianeta (leggete il suo Piano B per conoscere le sue strategie), la geotermia è in grande espansione soprattutto negli Stati Uniti. Le nuove tecnologie geotermiche a bassa temperatura lasciano intravedere possibilità di sviluppo enormi per questa fonte di energia elettrica e termica rinnovabile e pulita, anche in zone meno “calde” di Larderello, anzi praticamente ovunque. Naturalmente ci vuole un aiutino dello stato sotto forma di esenzioni dalle tasse o di sovvenzioni dirette. Ma in Italia da qualche mese si parla solo di nucleare

Annunci

4 pensieri su “Primi, per una volta…”

  1. …è passata una generazione da quel referendum, seguito all’incidente di Chernobil del 1986. I nuovi padroni d’Italia sono convinti che la popolazione abbia dimenticato, ma sbagliano… Vittorio

  2. Mi auguro che tu abbia ragione e che la gente non abbia dimenticato, pero’ ho i miei dubbi……….parlo con le persone e ho l’impressioneche non importi niente a nessuno….del nucleare…. di Chernobil…….
    spero di sbagliarmi…….
    Marialuisa di http://www.ourplanet.it
    a presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...